Il progetto INTEGREEN

Quale contributo possono dare i sistemi di trasporto intelligente alla riduzione delle emissioni dovute al traffico? A Bolzano il progetto INTEGREEN mostra come il traffico può diventare più intelligente.

Quando ci si trova alla fermata dell’autobus sarebbe molto utile sapere se il bus sta per arrivare oppure se converrebbe spostarsi alla fermata di un’altra linea nella strada vicina. Oppure si sta cercando un posto auto e solo all’ingresso del parcheggio si viene a scoprire se la struttura sia libera o meno. Ad averlo saputo prima si sarebbe potuto parcheggiare in Fiera e poi andare in centro con l’autobus o col treno. O, ancora, si è fermi in coda in via Druso e ci si chiede se la strada arginale potrebbe essere un’alternativa migliore.

Non importa quale sia il mezzo che stiamo usando, il traffico a Bolzano sta diventando sempre più problematico. E ha un'influenza negativa sulla qualità dell’aria in città. Per migliorare l’efficienza del sistema di trasporto urbano, il Comune di Bolzano, in collaborazione con l'IDM e l’Austrian Institute of Technology, ha quindi dato vita al progetto INTEGREEN (“Integration of Traffic and Environmental data for improving Green Policies in the city of Bolzano”). Il progetto è stato finanziato dal programma della Commissione Europea LIFE+. L’obiettivo primario del progetto è la riduzione del carico ambientale causato dal traffico. Quest’ultimo, così come la qualità dell’aria, è stato costantemente monitorato per mezzo sia di sonde mobili posizionate, per esempio, sul tetto di un autobus di linea alimentato a idrogeno, sia di stazioni di rilevamento fisse. I dati raccolti saranno utilizzati per lo sviluppo di regolamenti e di servizi più innovativi nell’ambito del traffico. I locali soggetti del traffico urbano, infine, saranno sensibilizzati grazie a campagne informative orientate a soluzioni di mobilità intelligente e a tecniche finalizzate al risparmio di carburante.

Tre impieghi sperimentali concreti possono già essere utilizzati da tutti i soggetti del traffico a Bolzano: l’applicazione BZParking distribuisce informazioni sui posti auto attualmente disponibili; l’applicazione BZBus  informa gli utenti sui servizi del trasporto locale gestiti dalla SASA; l’applicazione BZTraffic dà informazioni sui flussi di traffico in città.

Come possono queste applicazioni sperimentali contribuire al miglioramento del traffico? Il trasporto pubblico urbano diventerebbe ben presto un’interessante alternativa all’auto, se solo fossimo informati tempestivamente e in ogni momento circa la posizione degli autobus e, se in caso di ritardo, invece che aspettare alla fermata, fossimo sicuri di avere il tempo di andare a leggere il giornale e bere un caffè in un vicino bar. Si potrebbe anche eliminare il traffico legato alla ricerca di parcheggio, se gli automobilisti fossero tempestivamente informati di quanti posteggi sono disponibili in quale struttura e fossero quindi indirizzati in quella direzione. Il traffico scorrerebbe più fluidamente – e con meno emissioni – se gli automobilisti sapessero in anticipo dove troverebbero code e quali strade potrebbero usare per evitarle. I tre pilastri della mobilità sostenibile – riduzione del traffico, spostamento del traffico (su mezzi di trasporto più ecologici) e miglioramento del traffico (p.es. per mezzo di riduzione delle emissioni) – sarebbero quindi soddisfatti grazie alle tre applicazioni sperimentali di INTEGREEN. La massima partecipazione possibile da parte dei soggetti coinvolti nel traffico e l’utilizzo dei dati disponibili consentirebbe un grande risparmio di tempo e denaro – prestando un enorme contributo al miglioramento della qualità dell’aria a Bolzano.

Download Layman's report

LIFE+ Projekt INTEGREEN Bozen

23.07.2015 − Mobility management 

Ulteriori informazioni