Carsharing Alto Adige

Perché possedere un’auto se la si usa solo di rado? Il Carsharing convince – e conquista sempre più città e paesi dell’Alto Adige.

Per i giovani della “Generazione Golf” il più grande desiderio era compiere finalmente 18 anni per avere la patente in tasca e un’auto in garage. Al giorno d’oggi, invece, a nessuno verrebbe più in mente di definire un’intera generazione in base a un modello di auto. Gli status symbol delle nuove generazioni non hanno più quattro ruote e uno scarico cromato, ma l’accesso a internet e un touch screen. Non hanno più bisogno di garage e parcheggio, ma stanno comodamente nella tasca dei pantaloni.

Per la maggior parte del tempo le auto rimangono inutilizzate in un parcheggio e occupano 10 metri quadrati di spazio che potrebbe essere utilizzato in maniera più utile. Tuttavia un’auto lucida e potente è, almeno in parte, ancora un potente status symbol. E poi, rinunciare completamente all’auto è ancora molto difficile. Negli scorsi decenni, le nostre zone residenziali, le nostre strutture commerciali e i nostri spazi di movimento sono stati adeguati alle esigenze dell’automobile. Ma è davvero necessario possedere un’auto se non la si usa tutti i giorni? Perché invece non dividere un’auto con altre persone, come del resto si fa già anche in famiglia?

Questa è l’idea che sta dietro il concetto di “Carsharing” (inglese per “Condividere l’auto”): un’unica automobile per più persone che possono utilizzarla quando ne hanno bisogno. Anche nella nostra provincia, le auto bianche con il logo verde di “Carsharing Südtirol Alto Adige” sono diventate, con il tempo, parte integrante del panorama urbano di Comuni come Malles, Merano, Bolzano, Bressanone o Brunico. Chi abbia bisogno di utilizzarle deve registrarsi e versare una quota annuale. Il resto è semplicissimo: riservare l’auto, ritirarla, utilizzarla, riconsegnarla. La prenotazione è ora ancora più rapida grazie all’app Flinkster o sul sito web www.carsharing.bz.it.

E il prezzo? Dopo il versamento di un contributo di registrazione una tantum, i costi per il noleggio derivano dalla somma di prezzo orario e di chilometraggio. Per i nottambuli ci sono tariffe particolarmente vantaggiose; per prenotazioni a partire dal secondo giorno diventa ancora più economico. Il prezzo dipende chiaramente dal tipo di auto preso a noleggio: più piccola l’auto, più piccolo il prezzo. La più economica è la VW Up!, la VW Golf e la VW Caddy sono leggermente più care.
In generale la regola è questa: per un utilizzo tra i 7.000 e i 10.000 chilometri all’anno il Carsharing è più economico rispetto al possesso di un’auto propria, perché gli elevati costi fissi connessi spariscono quasi del tutto. L’iscrizione al Carsharing può quindi sostituire la seconda auto di famiglia, in molti casi anche la prima, permettendo così di risparmiare parecchio denaro.

I possessori di un AltoAdige Pass approfittano doppiamente del Carsharing Südtirol Alto Adige: innanzitutto pagano una quota ridotta, in secondo luogo non hanno bisogno di un’altra carta magnetica Carsharing, perché – previa prenotazione – l’auto si apre con l’Alto Adige Pass. La chiave per avviarla si trova nel cassetto dei guanti. Più facile di così non si può.

Il Carsharing non rende soltanto la vita più semplice agli automobilisti, che non devono più preoccuparsi dell’acquisto, della manutenzione, delle tasse e dell’assicurazione. È anche molto più rispettoso dell’ambiente. Perché il Carsharing, a parità di utilizzo, necessita di una superficie da sette a nove volte inferiore rispetto all’uso dell’auto privata. Meno consumo di superficie significa più qualità della vita e più spazi liberi nelle città e nei Comuni dell’Alto Adige. Le ricerche mostrano anche che gli utilizzatori del Carsharing si servono più spesso del trasporto pubblico e della bicicletta e vanno più spesso a piedi dei proprietari di auto. Si sono infatti abituati a ponderare caso per caso se ci sia davvero bisogno dell’auto oppure se non sarebbe più economico, veloce, sano ed ecologico coprire il tragitto previsto con altri mezzi di trasporto.

Il Carsharing Südtirol continua gradualmente ad ampliare la propria offerta. Si aggiungono sempre nuove località e veicoli. Nel frattempo, grazie all’acquisto delle prime auto elettriche, è possibile anche sperimentare una versione del E-Carsharing a emissioni zero. Grazie a una cooperazione con le grande società DB Flinkster e Car2Go, gli utenti del Carsharing Alto Adige possono ora servirsi di auto condivise anche al fuori dell’Alto Adige. Perché di una macchina si può avere bisogno non solo a Bressanone e Brunico, ma anche a Berlino e Vienna.

09.07.2015 − Guidare rispettando l'ambiente 

Ulteriori informazioni