Il pacchetto di misure #greenmobilitybz

L’Alto Adige intende diventare la regione modello per la mobilità sostenibile nelle Alpi. Con l’attuazione delle misure del pacchetto #greenmobilitybz potrebbe davvero riuscire nell’intento.

Il pacchetto di misure #greenmobilitybz si orienta alla piramide della mobilità sostenibile in cui la massima priorità è data alla prevenzione del traffico, perché il traffico più ecologico in assoluto è quello che non esiste. A tal proposito sono previste disposizioni normative per una pianificazione urbanistica sostenibile che prevedono percorsi brevi, corsi sulla mobilità per urbanisti/assessori comunali, linee guide per la progettazione per i Comuni e criteri ottimizzati per la verifica preliminare di progetti per la costruzione di strade, il tutto finalizzato a evitare il più possibile l’aumento del traffico veicolare.

Al secondo posto troviamo il trasferimento del traffico su mezzi di trasporto ecologici, ad esempio attuando progetti best-practice nei settori della mobilità ciclistica e pedonale. Rientra in questa seconda categoria anche la promozione del progetto Carsharing definita nell’ambito del pacchetto a integrazione del trasporto pubblico. Un nuovo sostegno economico in materia di mobilità sostenibile è invece offerto ai Comuni, alle imprese e alle organizzazioni che intendono attuare misure che incentivano ad esempio la mobilità in bici, a piedi e il mobility management, prevedendo in proposito un contributo massimo del 75 %. Occorre inoltre valorizzare l’uso della bici quale mezzo di trasporto salutare e a emissioni zero, fornendo in futuro informazioni ai ciclisti – tramite la centrale viabilità – su eventuali chiusure delle piste ciclabili, mentre l’ufficio provinciale di statistica Astat dovrebbe pubblicare importanti indicatori per la mobilità sostenibile.

La terza categoria del pacchetto di misure riguarda il miglioramento del traffico, ossia soprattutto le misure tese a incentivare la mobilità elettrica. L’Alto Adige, disponendo di energia idroelettrica pulita, ha le potenzialità per incentivare la mobilità elettrica – sia con veicoli a batterie che con auto a idrogeno a celle a combustibile – quale valida alternativa, a bassa emissione di rumori e inquinanti, alla benzina e al diesel. Grazie al contributo ora istituito di 4.000 € per l’acquisto di un’auto elettrica e di. 2.000 € per un’auto elettrica ibrida plug-in, se non si considera solo il prezzo di acquisto ma anche il cosiddetto “Total Cost of Owernship”, ora in molti casi queste auto costano meno di un veicolo tradizionale. Per evitare che l’autonomia delle auto elettriche possa però limitare le attività quotidiane, il pacchetto di misure #greenmobilitybz ha anche previsto la creazione di una rete capillare di stazioni di ricarica sul territorio provinciale. Nei garage dell’amministrazione provinciale verranno installate colonnine di ricarica mentre nelle nuove costruzioni e in quelle ristrutturate dovranno in linea generale essere predisposti in futuro adeguati allacciamenti elettrici all’interno dei garage. Per le stazioni di ricarica all’interno dei garage privati e delle aziende sarà previsto un contributo provinciale fino a 1.000 €. Per i veicoli a celle di combustibile è prevista invece la costruzione di ulteriori distributori di idrogeno. Le aziende potranno usufruire, oltre che dell’incentivo per l’acquisto di auto elettriche, anche di un contributo per l’acquisto di motorini elettrici (30 %, fino a 1.000 Euro) e di bici cargo (30 %, fino a 1.500 Euro).

Le istituzioni pubbliche in Alto Adige procederanno dando il buon esempio: il parco macchine della Provincia, delle agenzie e degli enti strumentali, ma anche dell’intendenza scolastica e di altri enti pubblici e dei Comuni dovrà infatti passare gradualmente, per quanto possibile, all’uso di veicoli a zero emissioni, dovendo chiaramente giustificare l’eventuale acquisto di veicoli non azionati elettricamente (inversione dell’onere della prova).

Il pacchetto di misure è stato elaborato dal gruppo di lavoro “Green Mobility” insediato dalla Giunta provinciale. Complessivamente per l’attuazione delle misure #greenmobilitybz sono disponibili 10 milioni di Euro all’anno.

Il pacchetto #greenmobilitybz è accompagnato da una campagna di comunicazione finalizzata a far conoscere meglio i nuovi contributi previsti, potendo accelerare, attraverso il loro utilizzo attivo, lo sviluppo dell’Alto Adige quale regione modello per la mobilità alpina sostenibile.

Ulteriori informazioni

13.07.2017 − Mobilità & sviluppo sostenibile  Mobility management  Mobilità elettrica  Muoversi in bici