Amici della Ferrovia

Trasporto pubblico

Più di 1.000 “Amici della Ferrovia” si impegnano affinché la ferrovia in Alto Adige venga potenziata e ampliata. Inoltre, gestiscono la Stazione d’avventura di Naturno, un’interessante meta per le gite di famiglia. 

L’aristocrazia dell’impero austro-ungarico arrivava da Merano alla stazione Val Senales, nell’odierna Stava, frazione di Naturno, con un treno a vapore eccezionale per bere un caffè al ristorante della stazione.. Oggigiorno, quando nei mesi estivi il treno si ferma in stazione, sono soprattutto le famiglie con bambini a scendere per passare un paio d’ore di divertimento alla Stazione d’avventura di Naturno. Qui si possono fare giri su una draisina a leva o pedali oppure su un trenino da giardino tirato da una locomotiva a vapore o una a diesel. In vecchi vagoni postali della Ferrovia Retica, invece, si può mangiare e visitare due esposizioni permanenti, una sulla Ferrovia Retica, l’altra sulla Ferrovia Marmifera di Lasa, oppure ancora guardare un filmato sulle ferrovie.

La Stazione d’avventura di Naturno è gestita dall’associazione “Amici della Ferrovia”. L’associazione è stata fondata nel dicembre 2000 dall’allora sindaco di Naturno Walter Weiss e da altri 55 appassionati. Ad oggi, l’associazione conta più di 1000 soci, tra i quali circa i 2/3 dei sindaci altoatesini. Il suo principale obiettivo è sensibilizzare e appassionare la popolazione altoatesina alla ferrovia e, in particolare, alla ferrovia in Alto Adige. Questo avviene soprattutto grazie a conferenze e tavole rotonde organizzate a intervalli regolari con sindaci e  assessori provinciali. Per i soci dell’associazione vengono organizzati, inoltre, vari viaggi ferroviari verso mete sempre diverse, come ad esempio in Svizzera e in Austria, ma anche in Asia, America e Australia.

Il più grande successo dell’associazione è stata la riapertura della ferrovia della Val Venosta, per la quale i soci si sono battuti per anni. La riattivazione è stato un così grande successo che, per poterne aumentare la capacità, la ferrovia della Val Venosta verrà anche elettrificata. Nel corso dei lavori verrà spostata anche la stazione di Stava verso la Stazione d’avventura di Naturno, ossia la vecchia stazione Val Senales. Anche se i tempi in cui l’imperatore Francesco Giuseppe d’Austria si fermava a questa stazione sono ormai lontani nel tempo, la ferrovia in Alto Adige ha un brillante futuro davanti, e questo non da ultimo grazie all’impegno dell’associazione “Amici della Ferrovia”.

condividi l‘articolo